Il mistero della Vita è la Morte, se la morte non trova un senso nella coscienza umana è un fattore inaccettabile, non si può giustificare, ancora di più se chi fa l’esperienza della morte è un bambino o un ragazzo che non ha potuto esprimere se stesso o lo ha fatto solo in parte, il suo potenziale nel progetto di vita che si era prefisso. 

 

L’umanità è chiamata a confrontarsi con questo enigma e se non lo fa si trova impreparata e travolta davanti ai fatti della vita, in fondo riguarda tutti, poiché “siamo nati ed è certo, che dobbiamo morire è sicuro”, diceva il mio caro papà. Vivere la vita senza penetrare il buio della morte getta l’anima nell’incertezza, nel dubbio, nell’insicurezza, nel non senso, a volte nell’angoscia e nella disperazione. La religione non soddisfa le domande più profonde dell’anima, l’ateismo rimette tutto al caso favorendo il caos e il nulla della coscienza. Forse è il caso di aprire un dialogo con ciò che fa più paura affinché la morte divenga “sorella morte”.

 

ARGOMENTI TRATTATI :

 

  • Da dove veniamo, esistiamo già prima di nascere? 
  • Cosa avviene nel momento della nascita?
  • Cos’è la morte?
  • Quando è nata la morte?
  • Significato di morte
  • Ci scegliamo i genitori?
  • Morti premature, quale può essere il senso?
  • È possibile un dialogo con i defunti?
  • Vivi e morti uniti nella coscienza
  • Morte nell’anima, immortalità nello spirito

 

 La vita è breve sulla Terra tanto vale viverla al meglio, per viverla in pienezza va conosciuta l’altra faccia della medaglia: la morte. Fino a quando la morte fa paura la vita è vuota e senza senso, il senso della vita è quello di superare la morte, di integrarla, di vincerla, di abbracciarla, di amarla, poiché se è stata creata ha un senso… è solo Amore nella mente del Creatore. Se rimaniamo nella morsa della morte la subiamo, se invece la illuminiamo molla la presa e la vediamo nella sua vera Luce.

Il Mistero della Morte e la sua funzione nell'Evoluzione

€ 9,90Prezzo